/Medicina Narrativa
Medicina Narrativa 2018-05-03T18:13:19+00:00

Collana Medicina Narrativa

La medicina ha raggiunto straordinari traguardi, ma l’esperienza della malattia, del dolore, della diversità è sempre un momento individuale fatto di paure, dubbi, aspettative, domande imbarazzanti che i protocolli scientifici non riescono a soddisfare. Esiste già da tempo un settore della medicina che lavora su questo. Nella Medicina Narrativa (NBM, Narrative Based Medicine) la narrazione della patologia (ivi comprese le relazioni tra medico e paziente) è considerata paritaria rispetto ai sintomi clinici. Ed è nello sviluppo della capacità narrativa che risiede la possibilità di incontro, di condivisione, di partecipazione e talvolta di aiuto: Medicina Narrativa di Maria Margherita Bulgarini vuole essere uno spazio per accogliere tale possibilità.

I nostri autori

Ilaria Bertinelli

Ilaria Bertinelli nasce in provincia di Parma nel 1968 da una famiglia di produttori di Parmigiano Reggiano, fortemente legata alle tradizioni gastronomiche locali.

Laureata all’Università di Trieste in interpretazione simultanea, lavora come interprete di conferenza alla guida della società di servizi linguistici Interconsul di Parma.

La passione per la cucina e la sua socialità trasmessa dalla famiglia diventano l’ispirazione per intraprendere un viaggio alla scoperta di una cucina senza glutine e a basso contenuto di zucchero che permetta a sua figlia Gaia, affetta da diabete di tipo 1 e celiachia, di non rinunciare al gusto e al piacere dello stare a tavola.
Ilaria Bertinelli nel 2017 ha vinto il Contest “Rice Food Blogger”.

Paola Emilia Cicerone

Paola Emilia Cicerone Fiorentina di nascita ma cresciuta professionalmente tra Roma e Milano, si occupa di salute, psicologia, medicine complementari, alimentazione e ambiente collaborando con varie testate tra cui Mente&cervello, Repubblica Salute, L’Espresso, Il Fatto Alimentare, PneiNews, Vita&Salute. Ha svolto e svolge docenze e seminari sui temi della comunicazione e del giornalismo per il Master MACSIS dell’Università di Milano Bicocca, il Master in Comunicazione della Scienza della SISSA di Trieste, i Master in Medicina Integrativa delle Università di Firenze e Siena. Fa parte di SWIM-Science Writers in Italy ed è coautrice di vari saggi tra cui EcoLogica. La vita a basso impatto ambientale alla portata di tutti (2013), e Oltre l’eccesso. Quando internet, shopping, sesso, sport, lavoro, gioco diventano dipendenza (2011).

Luisa Codeluppi

Luisa Codeluppi Nasce a Reggio Emilia e vive tra Reggio Emilia e Roma. Si ammala di diabete di tipo 1 dopo un’influenza all’età di 13 anni.
Si laurea con lode in Filosofia all’Università di Bologna e insegna Lettere in una scuola media.
Scrive da sempre su gruppi in rete dedicati al diabete e non.
Appunta i suoi pensieri sul diabete nella pagina fb «Lu, la mia vita col diabete 1».
Pubblica il primo libro sul diabete nel 2012.

Stefania Polvani

Stefania Polvani, 50 anni, sociologa a Firenze, si occupa di Promozione della Salute e di Medicina Narrativa. Ha curato con Armando Sarti il libro Medicina narrativa in terapia intensiva (Franco Angeli, 2013), è tra i fondatori di OMNI, l’Osservatorio di Medicina Narrativa Italia ed è Presidente eletto della SIMeN, la Società Italiana di Medicina Narrativa. Combina la passione per le persone e la creatività con quella per la famiglia, i libri, il cinema, lo yoga e l’arte.

Iacopo ortolani

Iacopo Ortolani (1971) è geometra, artigiano ed edile stradale. Non aveva in mente altro che vivere innamorato della sua famiglia e della vita. Ha deciso di far diventare la storia del tragico evento che ha coinvolto suo figlio un libro per aiutare così altri bambini e altre famiglie.

Alfredo Zuppiroli

Alfredo Zuppiroli è medico cardiologo; ha lavorato per oltre trentacinque anni negli ospedali fiorentini, unendo all’attività clinica quella dedicata alla ricerca scientifica e ricoprendo anche ruoli di responsabilità organizzativa. Ha sviluppato inoltre un particolare interesse per i temi etici in medicina e in sanità ed è stato presidente della Commissione Regionale di Bioetica della Regione Toscana.  Attualmente collabora con l’Agenzia Regionale di Sanità della Regione Toscana sui temi di epidemiologia cardiovascolare e nella valutazione delle ricadute che l’organizzazione sanitaria ha sulla salute della popolazione.

Arnaldo Marcone

Arnaldo Marcone (1954) insegna Storia romana all’Università Roma Tre ma vive a Firenze. Ha scritto monografie su Costantino, Augusto, l’imperatore Giuliano e, con Giovanni Geraci, un manuale di Storia romana per l’università. Con la moglie Isabella Andorlini, la studiosa di papirologia e di storia della medicina antica scomparsa nel novembre del 2016 che è la protagonista di questo libro, ha pubblicato Medicina, Medico e società nel mondo antico (Le Monnier, Firenze 2004). Tra i suoi interessi di ricerca è notevole quello per la storia della storiografia moderna sul mondo antico.

Marta De Angelis

Marta De Angelis medico palliativista, lavora a Spoleto per Aglaia, un’associazione no-profit che si occupa di assistenza ai pazienti affetti da patologie cronico-degenerative in fase avanzata e alle loro famiglie. Fortemente impegnata in ambito formativo, in particolar modo nei confronti delle nuove generazioni di professionisti della salute. Per Aglaia si occupa anche di progetti per la sensibilizzazione della popolazione rispetto ai temi del fine vita. Dal 2017 è coordinatore regionale della Società Italiana di Cure Palliative.

Paolo Trenta

Paolo Trenta folignate, laureato in sociologia alla Sapienza di Roma, si è occupato tra i primi in Italia di Medicina Narrativa, nel suo ruolo di dirigente del Servizio Formazione e Comunicazione della USL Umbria 2 ha costruito un Laboratorio di Medicina Narrativa. Ha contribuito alla nascita dell’Osservatorio di Medicina Narrativa Italia (OMNI), di cui è presidente, che punta ad integrare le migliori esperienze di pratica clinica narrativa nel nostro paese. è fondatore e componente del direttivo della Società Italiana di Medicina Narrativa (SIMeN) e coautore di Medicina Narrativa per una sanità sostenibile e di Medicina Narrativa e ricerca. Ora si occupa prevalentemente di formazione attraverso laboratori esperienziali con i quali si iniziare a costruire quella “postura” descritta da Rita Charon che è fondamento di ogni intervento narrativamente costruito.

Francesca Masi

Francesca Masi è nata a Pontedera (Pisa) nel 1975, si è laureata in Psicologia Clinica a Padova nel 2000, con una delle prime tesi in Italia sulla comunicazione online. Convinta del valore centrale della formazione personale dello psicologo, pratica negli anni una costante analisi personale a orientamento psicanalitico classico e sviluppa i propri aspetti creativi seguendo corsi di teatro sperimentale. Dal 2002 lavora come psicologa nel suo studio e affianca collaborazioni strutturate con enti locali come consulente scolastica e conduttrice di corsi di teatro per bambini e adolescenti, e con l’esercito italiano come Ufficiale Riservista. Nel 2012 fonda Handling onlus, una associazione no profit che fornisce servizi psicologici qualificati a persone e famiglie con svantaggio economico e sociale. Nel 2016 scopre di essere ammalata di cancro. Finora ha pubblicato articoli su riviste specializzate nazionali e internazionali. Questo è il suo primo libro.