///A Milo. Lettere per una malata di SLA

Collana Medicina narrativa

A Milo. Lettere per una malata di SLA

 14,00 Iva inclusa

Autore Arnaldo Marcone
Editore Maria Margherita Bulgarini
Edizione 2017
Pagine 144
Confezione Brossura
Formato 130x190
ISBN 9788898019472

Questo libro scaturisce da una esperienza di dolore e di emozione senza uguali e dal desiderio di trovare una sorta di condivisione e di consolazione almeno interiore. È di fatto il diario scritto nella forma di una corrispondenza indirizzata a un amico immaginario, Milo, un interlocutore ideale con il quale il dialogo è intenso ma solo a distanza. L’autore scopre che Isabella, la moglie da lui tanto amata, è affetta da una malattia che all’inizio lui considera, da profano, una forma di Alzheimer ma che si rivela presto essere ben più terribile. Isabella infatti è affetta da sla, da sclerosi laterale amiotrofica, un male progressivo per il quale non ci sono cure che, nel giro di poco tempo, compromette la fonazione, la deambulazione e, alla fine, la capacità respiratoria. Arnaldo si trova, a fronte dell’impotenza della medicina ufficiale, a confrontarsi con questa terribile realtà. Da una parte vuole sostenere la moglie, che non sembra consapevole del male che l’affligge e continua, nei limiti del possibile, a svolgere la sua attività di studiosa, dall’altra vive angosciosamente, da solo, il senso di sconfitta che lo tormenta. A Milo Arnaldo pone gli interrogativi

L'autore

Arnaldo Marcone (1954) insegna Storia romana all’Università Roma Tre ma vive a Firenze. Ha scritto monografie su Costantino, Augusto, l’imperatore Giuliano e, con Giovanni Geraci, un manuale di Storia romana per l’università. Con la moglie Isabella Andorlini, la studiosa di papirologia e di storia della medicina antica scomparsa nel novembre del 2016 che è la protagonista di questo libro, ha pubblicato Medicina, Medico e società nel mondo antico (Le Monnier, Firenze 2004). Tra i suoi interessi di ricerca è notevole quello per la storia della storiografia moderna sul mondo antico.